Archivio tag: Sardegna

Ragazzo gay picchiato a sangue a Quartu: assurda aggressione omofoba

Bandiera Sarda

Coppia di ragazzi omosessuali derisa in strada a Quartu, poi parte il pestaggio: un branco di tre bulli colpisce con calci in faccia e pugni alla testa, il ragazzo perde i sensi e la memoria. Scatta la denuncia e la caccia ai bulli omofobi. Sergio è in ospedale col setto nasale fratturato.
Un’aggressione omofoba in piena regola. Un ragazzo pestato a sangue perchè omosessuale. Un episodio inaccettabile accaduto ieri intorno alle 18:50 a Quartu Sant’Elena. Le vittime di questa triste vicenda sono Damiano Meloni e Sergio Puddu. La coppia rientrava a casa a piedi, come ogni sera. I due erano tranquilli, ridevano, scherzavano e parlavano dei fatti loro. Quando proprio mentre si trovavano in via santa Lucia all’angolo con via Mons. Angioni, un gruppetto di tre ragazzi sui 20/25 anni li ha aggrediti, prima verbalmente con insulti pesanti come “caghineri” e poi, non contenti, sono venuti alle mani.

Uno dei due ragazzi aggrediti, Sergio, per aver osato replicare agli insulti, dicendo che non avevano alcun diritto a offenderli è finito all’ospedale. Alla sua reazione, infatti, i tre bulli gli si sono scagliati addosso in branco, colpendolo con pugni in faccia e in seguito calci in testa, mentre si trovava riverso in terra. Il giovane ha così perso i sensi per diversi minuti. Sono stati subito chiamati i carabinieri, che però non si sono recati sul posto. Sono invece intervenuti prontamente i soccorsi che hanno trasportato Sergio all’ospedale Brotzu.

La preoccupazione dei medici per possibili danni gravi è stata grande, dato che il ragazzo aveva subito fortissimi colpi alla testa perdendo per qualche minuto la memoria. E’ stata invece accertata una prognosi di diversi giorni e una frattura al setto nasale. Intanto è partita la denuncia per aggressione verso ignoti, ma si cercano testimoni.

Fonte: http://www.castedduonline.it/area-vasta/hinterland/11061/ragazzo-gay-picchiato-a-sangue-a-quartu-assurda-aggressione-omofoba.html#sthash.UfXI7WV7.dpuf

Gli insulti omofobi del portavoce del Pdl, Paolo Trudu: “Vendola vecchia isterica”

1 agosto 2013 – Bari, gli insulti omofobi del portavoce del Pdl, Paolo Trudu: “Vendola vecchia isterica”.

insultiomofobivendola

“Da sinistra odore di becero frociame”.
Protagonisti di un amaro botta e risposta l’addetto stampa del Pdl in consiglio regionale della Sardegna, Paolo Trudu, che bolla elettori e simpatizzanti di Sel e il governatore della Puglia, Nichi Vendola.
La polemica parte da Facebook. “C’è qualcuno che può rispondere a Vendola il quale, con l’acidità di una vecchia isterica dichiara che a destra sente puzza di camorra, dicendogli che nella sua sinistra sale alto l’odore di becero frociame”.
Lo status incriminato di Trudu pubblicato ieri pomeriggio è stato rimosso poco dopo. Nonostante questo, in poche ore la segnalazione ha fatto comunque il giro del web, provocando l’indignazione di molti. “Mentre Obama parla di sorelle e fratelli omosessuali, noi abbiamo Trudu”, dice qualcuno su Twitter.
Ad accendere la miccia Vendola che su Twitter poche ore prima aveva commentato la questione Pdl-Cosentino così: “A sinistra vogliamo far sentire profumo di diritti sociali. A destra si sente ancora la puzza di camorra”. Immediata la reazione di Trudu.
I precedenti non mancano. Solo qualche settimana fa Luigi Marattin, assessore al Bilancio del Comune di Ferrara e fedelissimo di Matteo Renzi prendeva di mira Vendola con un “Nichi, per usare il tuo linguaggio, ma va a elargire prosaicamente il tuo orifizio anale in maniera totale e indiscriminata”.
All’origine della battuta omofoba di Marattin, una frase del governatore della Puglia, secondo il quale “Renzi perderà le primarie anche perché ha come modello Tony Blair la figura più fallimentare della sinistra europea che ha sempre perso e fatto perdere”.

FONTE: http://www.suditalianews.com/2013/01/22/italiano-gli-insulti-omofobi-del-portavoce-pdl-trudu-vendola-vecchia-isterica/?lang=it